Questa big band di 21 straordinari musicisti nasce su iniziativa  del suo leader, flautista e arrangiatore Elvio Ghigliordini per omaggiare e ricordare il grande Tito Puente con uno spettacolo inebriante, pieno di ritmo e passione capace di farci rivivere la magica epoca del “Palladium”, il locale Newyorkese luogo sacro per la musica latina dal 1947 . Li' le orchestre di Machito, Tito Rodriguez e Tito Puente si sfidavano a suon di Mambo.

La realizzazione delle attività della Mambo Puente Latino Orquesta è il risultato della volontà e del contributo di tutti i musicisti che vi suonano e degli appassionati di musica latina, organizzatori, danzatori e maestri di ballo che partecipano collettivamente agli spettacoli e sostengono le attività dell'orchestra attraverso un ricco contributo sia dal vivo che nella comunicazione.

Il rapporto di molti dei partecipanti all'orchestra con la musica latina che si sviluppa già dagli anni 80' attraverso innumerevoli collaborazioni con nomi di rilievo in questo ambito, li ha visti insieme in una quantità di formazioni e di spettacoli musicali che costutuiscono quel bagaglio di esperienza che fa di questa orchestra una voce autorevole nel panorama della musica salsa in Italia.

In particolare vanno ricordate le collaborazioni di Elvio Ghigliordini con alcuni grandi personaggi i cui nomi restano indelebili nella memoria collettiva come la notissima madrina della musica latina Celia Cruz, e poi con Cheo Feliciano, Josè Alberto “El Canario” e molti altri.

 

L'organico

La Mambo Puente Orchestra adotta l'organico tipico delle orchestre di Mambo dove le sezioni di fiati della grande orchestra Jazz convenzionale (sax, trombe e tromboni), sono uniti ad una sezione ritmica, invece, tipica della musica cubana. Al Pianoforte e al Baby Bass  si uniscono Congas e Bongo, Guiro e Timbales che costituiscono il classico set di strumenti a percussione che caratterizzano il suono della musica salsa.